lunedì 21 settembre 2015

le mie cuffie

A tutti i musica-dipendenti come me consiglio di acquistare le cuffie wireless Bluedio H-Turbine con Bluetooth. Le ho comprate di recente a soli 24,99 euro su Amazon e non ne posso più fare a meno: belle, comode e utilissime quando marito e figlia dormono e io ho tanto bisogno di musica a tutto volume!

venerdì 11 settembre 2015

fashion blogger dei poveri

Due anni fa, per un progetto di lavoro, ho dovuto passare in rassegna i principali fashion blog italiani e stranieri, una realtà che non conoscevo prima di allora e che mi è subito sembrata pazzesca perché rappresentata da giovani donne che vivono allegramente di shopping, viaggi, shooting fotografici e facendo finta di mangiare. La scoperta di questo nuovo mondo, oltre a sbalordirmi, mi ha dato  un’ulteriore conferma di quanto io non sia assolutamente una fashionista e tantomeno una fashion victim. Come la maggior parte delle ragazze, non mi dispiace comprare – ogni tanto – maglie, pantaloni, gonne, borse, scarpe e quant’altro; inoltre trovo interessante il mondo della moda perché  in fondo parla della nostra società e della nostra epoca e poi i bei vestiti (specialmente quelli da “tappeto rosso”) affascinano chiunque. Tuttavia, ogni volta che mi capita di dare un’occhiata a un fashion blog, dopo un primo momento in cui rimango incantata, mi chiedo: “queste che voglia hanno di essere – anzi, apparire – sempre così perfette?”. Sì, perché oltre a essere dispendioso, vestirsi come si deve richiede tempo ed energie, risorse preziose che io preferisco dedicare ad altre cose, mentre al prepararmi prima di uscire dedico sempre e solo l’ultimo minuto! E, risucchiata dal ritardo, finisco per indossare le solite robe: jeans, leggings, maglie di cotone e scarpe comode,  il tutto abbinato a capelli legati alla buona e trucco pressoché invisibile.
Quando però accade che la mia Fata Madrina trasformi l’ultimo minuto in almeno una mezz’ora, allora sì che mi diverto! Ai miei look improvvisati aggiungo qualche accessorio, una borsetta, trucco, parrucco e infine, tutta fiera del risultato finale – e animata dalla stessa innocua follia delle mitiche fashion blogger – mi faccio pure una foto.
Ecco come nasce una fashion blogger...dei poveri!





«La sua libertà era indossare jeans, magliette e golf. Non era di quelle che in casa camminano sui tacchi. Per anni indossò cappotti divini di sarti famosi, ma fu davvero felice quando inventarono i piumini:Quelli sì che proteggono dal freddo”, diceva, “e sono pratici”.»
(Luca Dotti, su sua madre Audrey Hepburn)